Breadcrumbs

Che inferno i dolori mestruali!

Soffri di dolori mestruali? Non preoccuparti, non sei sola. La maggior parte delle donne soffre di dolori mestruali. Si tratta in effetti del problema ginecologico più frequente con cui donne e ragazze devono fare i conti i dolori mestruali in genere iniziano durante l'adolescenza, poco dopo la prima mestruazione (il menarca).

L'intensità dei dolori mestruali è variabile. Tanto più forte è il dolore, tanto più influisce sulle nostre attività quotidiane, fra cui andare a scuola, in università oppure al lavoro. In genere, il dolore è peggiore all'inizio del ciclo, per poi ridursi gradualmente nel corso dei 2-3 giorni successivi.

Quali sono le cause dei dolori mestruali?

I dolori mestruali sono provocati da sostanze chimiche naturali, dette prostaglandine, rilasciate nell'utero nel corso del ciclo. Alcune donne presentano livelli di prostaglandine maggiori rispetto ad altre (benché non sia chiaro il perché), e sono quindi più predisposte a soffrire di dolori mestruali. Le prostaglandine causano la contrazione dei muscoli delle pareti dell'utero, e tale contrazione può essere avvertita come un crampo doloroso. I livelli di queste sostanze sono più elevati immediatamente prima dell'inizio del ciclo, il momento nel quale i dolori mestruali sono più comuni e più intensi. Dopo uno o due giorni, i livelli di prostaglandine calano e il dolore, in genere, si attenua.

Le prostaglandine possono provocare molto più che solo crampi

I dolori mestruali non sono tutti uguali

Esistono in effetti due tipologie di dolori mestruali.

Dismenorrea primaria. Si definisce così il dolore che la maggior parte delle donne avverte durante il ciclo, che inizia generalmente dopo il menarca e diventa sempre meno intenso con l'età. Dopo avere avuto un figlio oppure con l'uso di contraccettivi ormonali quali pillola, cerotto o anello, per molte donne i dolori mestruali diventano meno problematici.

Dismenorrea secondaria. Si definiscono così i dolori mestruali provocati da disturbi dell'apparato riproduttivo, quali adesioni o fibromi. In circa una donna su dieci che soffre di dolori mestruali, si tratta di dismenorrea secondaria. A differenza della dismenorrea primaria, la dismenorrea secondaria insorge generalmente in età più avanzata e peggiora nel tempo. Il dolore, inoltre, può insorgere prima del ciclo, persistere per tutta la sua durata e anche quando il ciclo è terminato.

Sollievo dai dolori mestruali

Ci sono diversi modi per alleviare i dolori mestruali.

  • Smetti di fumare. Il fumo peggiora i dolori mestruali (un'altra motivazione valida per perdere il vizio).
  • Segui una dieta sana. Quando si avvicina il ciclo, riduci alcol e caffè, e cerca di evitare gli alimenti lavorati o grassi. Prediligi invece frutta, verdura, cereali integrali e pesce, in particolare pesci ricchi di acidi grassi omega-3 quali salmone, tonno e sardine.
  • Fai attività fisica. Praticare regolarmente attività fisica tra un ciclo e l'altro è un'ottima idea. Per alleviare il dolore durante il ciclo, prova qualche esercizio di stretching oppure concediti una passeggiata.
  • Utilizza farmaci analgesici/antidolorifici. come Nurofenelle per calmare il dolore
  • Prova ad assumere integratori. Per alcune donne, assumere magnesio, oli di pesce e vitamina B1 o B6 aiuta a lenire i dolori mestruali. Olio di enotera, dongquai, agnocasto e actaea racemosa sono altri esempi di integratori utili.
  • Rilassati e prenditi cura di te. Le tecniche di rilassamento, lo yoga, la meditazione, l'agopuntura, il riposo a letto e alcuni piccoli accorgimenti, come l'uso di una borsa dell'acqua calda o di un impacco caldo, possono essere molto utili. Contro nausea e gonfiore, puoi provare una tisana, ad esempio allo zenzero o alla menta.

I dolori mestruali dovrebbero preoccuparmi?

Per la maggior parte delle donne, è del tutto naturale avvertire dolore nel corso del ciclo, e solitamente tutto torna alla normalità dopo un paio di giorni. Comunque, è meglio consultare il medico se i dolori mestruali:

  • non migliorano con gli antidolorifici o con altri rimedi, e interferiscono con la tua vita privata e lavorativa;
  • peggiorano con l'età, il che potrebbe indicare che il dolore dipende da fattori diversi dal normale ciclo mestruale;
  • durano più a lungo del ciclo.