Dolori muscolari, evitali con lo stretching
Breadcrumbs

Dolori muscolari, evitali con lo stretching

Hai fatto una corsa a piedi o in bicicletta, hai provato nuovi passi di danza o concluso un allenamento intensivo in palestra, e adesso accusi dolori muscolari? In tal caso, sarà meglio prestare un po'  di attenzione in più alla fase di riscaldamento che precede l’attività fisica.

Il riscaldamento aumenta il flusso sanguigno e porta più ossigeno e sostanze nutritive ai muscoli, predisponendoli alla successiva attività. Il riscaldamento dovrebbe essere costituito da esercizi aerobici e stretching. L'attività cardiovascolare, come la corsa sul posto, contribuisce a rilassare i muscoli, preparandoli al successivo stress fisico. Lo stretching farà inoltre in modo che articolazioni, tendini e legamenti vengano predisposti gradualmente per l'allenamento. Tutto ciò, non si limiterà a prevenire successivi dolori muscolari, ma fornirà anche una serie di vantaggi, elencati qui di seguito. ma fornisce al corpo tutta una serie di vantaggi che evidenziamo di seguito.

Lo stretching aiuta a:

  • Ridurre la tensione muscolare, aiutando il corpo a sentirsi più rilassato,
  • Migliorare la libertà di movimento,
  • Evitare strappi, perché il muscolo pre-allungato resiste meglio alle sollecitazioni,
  • Ridurre il rischio di problemi alla schiena,
  • Ridurre i dolori muscolari

 Suggerimenti per fare stretching  correttamente

Lo stretching può sembrare abbastanza semplice, ma va eseguito correttamente. Ecco alcuni buoni suggerimenti:

  • Scaldare sempre i muscoli con qualche esercizio aerobico, prima di iniziare ad allungarli. Un muscolo freddo non si allunga facilmente.
  • Evitare contraccolpi improvvisi durante l'allungamento del muscolo per scongiurare non soltanto possibili dolori muscolari, ma anche vere e proprie lesioni.
  • Tendere il muscolo da allenare per circa 20-30 secondi, prima di rilasciarlo, poi fare una pausa e ripetere un paio di volte per ciascuno dei gruppi muscolari che si intendono utilizzare.
  • Provare un po' di affaticamento durante lo stretching è normale. Altrimenti, significherebbe che non lo si sta effettuando nel modo appropriato. Ma è bene fermarsi immediatamente se si dovesse avvertire un dolore acuto. Dopo aver allungato il muscolo correttamente, comunque, il disagio deve scomparire.
  • Non trattenere il respiro durante lo stretching. Cercare, invece, di mantenere un buon ritmo di respirazione regolare per tutto il tempo. Ciò aiuta a rilassare il corpo, aumenta il flusso sanguigno e rimuove l'acido lattico prodotto dallo sforzo. E il tutto si tradurrà nel superamento dei dolori muscolari.

Prima e dopo gli esercizi

Mai dimenticare che un eccessivo sforzo, eseguito senza il giusto riscaldamento, può portare non solo ad avere dolori muscolari, ma anche a strappi e stiramenti. Sono davvero tanti i gruppi muscolari che vengono coinvolti nelle diverse attività, per cui bisognerà assicurarsi di allungare tutti i muscoli interessati.

Si consiglia inoltre di allungare i muscoli anche alla fine dei vari esercizi. A seguito di ciò, infatti, si ripristina la posizione naturale del corpo e vengono meno quei fastidiosi dolori muscolari cui si accennava all'inizio. Tale procedura è particolarmente importante per quei muscoli che sono stati maggiormente sollecitati dall'attività fisica.

Come trattare i dolori muscolari dopo l'esercizio

I dolori che possono derivare dall'attività fisica, trovano giovamento da un massaggio, da un bagno caldo o anche semplicemente da un buon riposo. Tuttavia, l’affaticamento muscolare può portare alla produzione di sostanze chiamate prostaglandine che stimolano i recettori del dolore e che spesso conducono a dolori muscolari.

In certi casi, quindi, per un sollievo veloce, è possibile affidarsi a un antidolorifico come l'ibuprofene. È questo il principio attivo di Nurofen, che agisce inibendo la formazione di prostaglandine nei muscoli (vale a dire, quelle sostanze chimiche presenti nel nostro corpo che causano sofferenza), liberandoci dai dolori muscolari. Nurofen agisce anche come anti-infiammatorio, contribuendo a ridurre il gonfiore che spesso si associa a questo tipo di inconvenienti.

In ogni caso, non va dimenticato, in primo luogo, che riscaldamento e stretching possono aiutare molto ad evitare danni muscolari. E’ buona regola, quindi, fare una serie di esercizi di riscaldamento prima e dopo ogni attività fisica. Non bisogna aver fretta. Chi ama il proprio corpo e la propria salute, deve  sapersi prendere il tempo necessario per un perfetto riscaldamento, non meno importante dell'esercizio fisico vero e proprio.

 

Contenuto aggiornato con autorizzazione del 10/11/2017