Breadcrumbs

Cos'è il mal di testa? E l'emicrania?

Per molti di noi è un malessere che si ripresenta con puntuale frequenza, ma difficilmente ci chiediamo cos'è il mal di testa e quale sia il tipo di cefalea che ci affligge. Eppure, è proprio la tipologia di mal di testa a indicarci quale sia la terapia più efficace per combatterlo.

Ma cos'è il mal di testa? In cosa differisce dall'emicrania?

L'emicrania presenta generalmente una sintomatologia più severa, ha un andamento cronico e può avere ripercussioni sulla vita quotidiana di chi ne soffre. Con il mal di testa condivide sintomi quali il dolore, ma presenta particolarità che permettono di classificarla come una condizione a sé stante.

In questo articolo cercheremo di fare chiarezza su cos'è il mal di testa e sulle differenze che intercorrono fra cefalea a grappolo, di tipo tensivo ed emicrania.

Cos'è il mal di testa: emicrania, cefalea a grappolo e tensiva

  1. Emicrania
  2. Cefalea a grappolo
  3. Cefalea di tipo tensivo (TTH)

Diffusione

  1. Abbastanza comune
  2. Condizione relativamente rara
  3. Il tipo più comune di cefalea

Tipo di dolore

  1. Dolore intenso e pulsante, solitamente concentrato nella regione frontale o su un lato della testa
  2. Dolore lancinante, quasi sempre unilaterale e di sovente localizzato dietro un occhio
  3. Dolore bilaterale di tipo costrittivo, la sensazione è spesso definita come quella di un "cerchio alla testa"

Caratteristiche

  1. Di diversa tipologia:

- con aura (ossia preceduto da disturbi visivi come luci lampeggianti)

- senza aura

- aura senza cefalea

  1. Si presenta periodicamente, con fasi attive e di remissione spontanea (ad esempio, si possono sperimentare da uno a tre attacchi al giorno per diverse settimane o mesi, ai quali segue un intervallo di tregua)
  2. I muscoli del collo possono apparire tesi e spesso si avverte una sensazione di pressione dietro gli occhi

Primi segnali

  1. I disturbi visivi (aura) possono anticipare l'emicrania
  2. Si presenta rapidamente e senza alcun preavviso, sebbene tenda a manifestarsi all'incirca negli stessi orari
  3. Di solito, si sviluppa lentamente

Frequenza

  1. Può presentarsi diverse volte durante l'anno. La sua durata può variare da 3 ore a 3 giorni
  2. Dura dai 15 minuti a 3 ore, anche se di rado l'attacco supera l'ora
  3. Il suo decorso varia generalmente da mezz'ora a qualche ora, ma in alcuni casi può persino durare diversi giorni

Impatto sulla vita quotidiana

  1. Può alterare la capacità di far fronte agli impegni quotidiani. Durante un attacco di emicrania, si avverte spesso il bisogno di stare in posizione distesa in un ambiente buio
  2. La cefalea a grappolo può essere invalidante. Chi ne soffre può sentirsi estremamente irrequieto e frustrato a causa dell'intensità del dolore
  3. Di solito, non interferisce in maniera significativa con le attività quotidiane

Altri effetti

  1. La sintomatologia può comprendere dolori addominali, nausea, vomito e ipersensibilità agli stimoli luminosi e sonori
  2. Può colpire l'occhio, provocando gonfiore e abbondante lacrimazione

Cos'è il mal di testa: uno sguardo alle differenze

Anche se le differenze fra le tipologie di mal di testa possono sembrare sostanziali, non è sempre facile avanzare una valutazione certa. Se l'emicrania è lieve e non comporta aura o nausea, può essere facilmente scambiata per una cefalea di tipo tensivo. In maniera analoga, le emicranie e le cefalee a grappolo sono entrambe caratterizzate da un dolore unilaterale, con il risultato di poter essere confuse l'un l'altra.

Lo schema da noi proposto esamina le principali differenze tra le varie tipologie di mal di testa, ma non è da intendersi come strumento diagnostico. Per qualsiasi dubbio sulla natura del proprio mal di testa, è sempre bene rivolgersi al medico.

Cos'è il mal di testa: trattamenti su misura

Ogni tipologia di mal di testa presenta sue peculiarità, pertanto necessita di trattamenti specifici.

Emicrania

Alcuni emicranici possono concordare con il proprio medico una terapia per il contenimento di sintomi come nausea e vomito.

Chi soffre di emicrania da lieve a moderata può trovare sollievo nell'assunzione di analgesici da banco, come quelli a base di ibuprofene o ibuprofene lisina, rapidamente assimilabili dall'organismo per una rapida azione contro il dolore.

Cefalea a grappolo

Abbiamo visto cos'è il mal di testa a grappolo e quanto i suoi sintomi possano essere invalidanti. La terapia, sintomatica e preventiva, è di stretta competenza medica.

Cefalea di tipo tensivo

La cefalea tensiva coinvolge i muscoli della testa, del collo e del viso. La tensione muscolare provoca il rilascio di prostaglandine, sostanze che stimolano i recettori del dolore fino a provocare mal di testa. Pertanto, i trattamenti volti a prevenire la produzione di questi mediatori chimici possono rivelarsi estremamente efficaci. Molecole come l'ibuprofene, ad esempio, agiscono inibendo la formazione di prostaglandine a livello muscolare, agendo direttamente alla fonte del dolore.

Per dubbi riguardanti il trattamento più efficace per combattere la cefalea è sempre bene rivolgersi al medico o al farmacista di fiducia. Se la causa del mal di testa è un trauma cranico, se i sintomi si fanno particolarmente severi o se si riscontrano problemi visivi, febbre, nausea o difficoltà di parola, è opportuno rivolgersi immediatamente al medico curante.

 

Contenuto aggiornato con autorizzazione del 10/11/2017